Con questa guida definitiva all’acquisto del miglior biotrituratore, saprai con certezza quale biotrituratore è il più adatto alle tue esigenze ed eviterai di sprecare soldi inutilmente per acquisti di macchinari che moriranno in un remoto angolo del tuo box attrezzi.

Migliori Biotrituratori a confronto

Ti mostriamo adesso i migliori biotrituratori a confronto

Anteprima
Il più performante
Makita UD2500 - Biotrituratore
Il più venduto
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
Il più economico
Einhell GH-KS 2440 Biotrituratore a Lame
Titolo

Makita UD2500

Bosch AXT 25 TC

Einhell GH-KS 2440

Prodotto
Makita UD2500 - Biotrituratore
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
Einhell GH-KS 2440 Biotrituratore a Lame
Valutazione
Prezzo
233,38 EUR
480,40 EUR
142,03 EUR
Amazon Prime
-
-
Il più performante
Anteprima
Makita UD2500 - Biotrituratore
Titolo

Makita UD2500

Prodotto
Makita UD2500 - Biotrituratore
Valutazione
Prezzo
233,38 EUR
Amazon Prime
-
Acquista Adesso
Il più venduto
Anteprima
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
Titolo

Bosch AXT 25 TC

Prodotto
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
Valutazione
Prezzo
480,40 EUR
Amazon Prime
Acquista Adesso
Il più economico
Anteprima
Einhell GH-KS 2440 Biotrituratore a Lame
Titolo

Einhell GH-KS 2440

Prodotto
Einhell GH-KS 2440 Biotrituratore a Lame
Valutazione
Prezzo
142,03 EUR
Amazon Prime
-
Acquista Adesso

Guida per l’acquisto del miglior biotrituratore

Quando devi acquistare un biotrituratore è bene essere a conoscenza di alcune informazioni preliminari che servono a comprendere al meglio le caratteristiche tecniche del prodotto che stai andando ad acquistare.

A cosa serve un biotrituratore?

Il biotrituratore è una macchina agricola che vede il suo primo impiego nelle grandi aziende a livello professionale e da qualche anno ha acquisito funzionalità anche in formato domestico, guadagnando sempre più spazio all’interno di giardini e terreni privati di dimensioni anche contenute.

La funzione principale dei biotrituratori è quella di sminuzzare in maniera più o meno fine le ramaglie ed il prodotto di scarto verde derivante da potature e pulizie di terreni e giardini.

Il prodotto di scarto dei biotrituratori, inoltre, può essere impiegato per rivitalizzare il terreno. Grazie all’azione di compostaggio ed al rilascio di sostanze nutritive, il vostro appezzamento di terra potrà essere fertilizzato in maniera del tutto naturale.

Acquistare un biotrituratore, per chi dispone di un appezzamento di verde, è ormai essenziale e porta tanti vantaggi che adesso scopriremo insieme

Vantaggi nell’acquisto di un biotrituratore

Quante volte dopo aver tagliato le tue siepi, aver potato i tuoi alberi, rimani ad ammirare con soddisfazione il lavoro svolto? Sicuramente è molto soddisfacente, ma questa sensazione di benessere crolla immediatamente quando ti giri e vedi i mucchi di rami da insaccare e smaltire. È li che realizzi che ancora non hai terminato il tuo lavoro!

Se tu avessi a disposizione un biotrituratore, questa fastidiosa parte di lavoro andrebbe nel dimenticatoio, perché con l’azione di biotriturare ottieni contemporaneamente tre evidenti vantaggi:

  • Dismissione immediata di ramaglie post potatura
  • Produzione di materiale fertilizzante naturale a rapido assorbimento
  • Zero fatica per lo smaltimento dei rami post potatura

Ecco che i tempi di lavoro si accorciano! Non dovrai più fare viaggi in discarica per smaltire il verde, non dovrai più acquistare costosi fertilizzanti per le tue piante.

Il prodotto di risulta dei biotrituratori

Tutto l’ammasso di verde e di ramaglie che diamo in pasto al biotrituratore, è un prodotto apparentemente di scarto, ma in realtà è molto prezioso per i suoi utilizzi. Scopriamo adesso cosa è e come utilizzarlo.

Non abbiamo ancora definito le caratteristiche delle macchine ed i sistemi di tagli, ma ti anticipo che esistono differenti sistemi di taglio che danno un prodotto risultante più o meno fine. Questo prodotto risultante lo distinguiamo in tre principali gradi di finezza: cippatura, sfibratura, pacciamatura.

Cippatura

La cippatura è un prodotto risultante dal biotrituratore, in particolare si tratta di un mix di ramaglie verdi grossolanamente macinato. La cippatura viene generalmente prodotta da un biotrituratore a rulli.

Sfibratura

La sfibratura invece è generalmente il prodotto di risulta di un biotrituratore a lame. Si tratta di biomassa verde mista di legnetti verdi e fogliame sfibrati dal sistema meccanizzato.

Pacciamatura

La pacciamatura è un mix di scarti verdi molto fini che assumono la consistenza del terreno e, per questo motivo, viene spesso utilizzata come fertilizzante immediato. La produzione della pacciamatura avviene sia con biotrituratori a rulli che a lame, ma settati in maniera tale da generare un composto molto fine.

Altri utilizzi del prodotto biotriturato

Oltre ad avere azione fertilizzante, alcune aziende utilizzano il cippato e lo sfibrato congiuntamente per ottenere un sistema di areazione migliore durante la fase di compostaggio.

L’utilizzo del cippato avviene anche nelle fabbriche di produzione di pannelli in truciolato, pellet da riscaldamento e tronchetti pressati per stufe e camini a legna.

Tipologie di biotrituratori

Una prima differenza tra i vari sistemi di lavoro per biotriturare o cippare riguarda il motore che alimenta i rulli o le lame. Partendo da questa considerazione possiamo estrapolare subito tre famiglie di biotrituratori principali: biotrituratori alimentati dal trattore, biotrituratori con motore a scoppio e biotrituratori con motore elettrico.

Biotrituratori con trasmissione a cardano

Biotrituratore a cardano
Cippatore a Disco per trattori con Cardano Incluso – DK-1200″]

I biotrituratori con trasmissione cardanica sono quelli alimentati dalla potenza del motore del trattore. Si tratta di strumenti agricoli per grandi aziende in grado di macinare grandi quantità di materiale legnoso.

Generalmente in questi casi si parla più di cippatori per via del prodotto finale generato. Grandi potenze per grandi quantità di macinazione oraria. Nelle grandi aziende agricole, dove il tempo per fermarsi non esiste, è prassi aumentare la produttività riducendo al minimo i tempi morti oltre che i guasti.

I biotrituratori a trattore, alimentati a cardano, abbattono al massimo i problemi dell’elettronica o della meccanica che può avere un normale cippatore, poiché dipendono appunto dalle generalmente affidabili prestazioni dei trattori.

Il costo di un biotrituratore a cardano non è eccessivo per via dell’assenza del sistema di alimentazione, ovvero il motore, ma sicuramente i materiali con il quale viene realizzato devono garantire ottime prestazioni di durabilità nel tempo ed affidabilità nel lavoro.

Biotrituratori con motore a scoppio

vidaXL Cippatrice a Benzina Motore 15 HP Cippatore Trinciatrice Trituratore
  • Spazzaneve:Colore: Giallo Nero
  • Larghezza di compensazione: 560 mm
  • Altezza di aspirazione: 400 mm
  • Tipo motore: ZONGSHEN, 1 cilindro, raffreddato ad aria, 4 tempi
  • Cilindrata: 196 cc

I biotrituratori con motore a scoppio sono utilizzati molto spesso per attività professionali. Una ditta che lavora nel campo della pulizia di giardini, parchi e verde pubblico o potatura alberi deve disporre necessariamente di un buon biotrituratore portatile.

L’efficienza e le prestazioni dei motori a scoppio, permettono al cippatore di poter gestire facilmente ramaglie di dimensioni interessanti che occorre sminuzzare.

Una peculiarità dei biotrituratori con motore a scoppio è data dal fatto che il relativamente basso numero di giri, rispetto all’elettrico, consente alla macchina di utilizzare rulli trituranti invece che lame. Il rullo, rispetto alle lame, oltre ad essere più resistente, ha una massa maggiore e per triturare le ramaglie occorre meno velocità.

Quando parliamo di biotrituratori a motore a scoppio stiamo già selezionando un pubblico d’utilizzo ridotto al professionista o a chi ha veramente tante aree verdi da gestire. I costi per questi prodotti così impegnativi sono variabili e si assestano intorno al migliaio di euro per prodotti di buona qualità.

Biotrituratori elettrici

Anteprima
Il più performante
Makita UD2500 - Biotrituratore
Il più venduto
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
Il più economico
Einhell GH-KS 2440 Biotrituratore a Lame
Titolo

Makita UD2500

Bosch AXT 25 TC

Einhell GH-KS 2440

Prodotto
Makita UD2500 - Biotrituratore
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
Einhell GH-KS 2440 Biotrituratore a Lame
Valutazione
Prezzo
233,38 EUR
480,40 EUR
142,03 EUR
Amazon Prime
-
-
Il più performante
Anteprima
Makita UD2500 - Biotrituratore
Titolo

Makita UD2500

Prodotto
Makita UD2500 - Biotrituratore
Valutazione
Prezzo
233,38 EUR
Amazon Prime
-
Acquista Adesso
Il più venduto
Anteprima
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
Titolo

Bosch AXT 25 TC

Prodotto
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
Valutazione
Prezzo
480,40 EUR
Amazon Prime
Acquista Adesso
Il più economico
Anteprima
Einhell GH-KS 2440 Biotrituratore a Lame
Titolo

Einhell GH-KS 2440

Prodotto
Einhell GH-KS 2440 Biotrituratore a Lame
Valutazione
Prezzo
142,03 EUR
Amazon Prime
-
Acquista Adesso

Nel settore hobbistico, per i piccoli possessori di terra ed aree verdi, sostenere una spesa di qualche centinaio di euro per un biotrituratore elettrico è forse una delle mosse più azzeccate da fare!

Come abbiamo visto, si ha un risparmio veramente importante di tempo, fatica e troviamo in più fertilizzante naturale a titolo gratuito.

I prezzi dei biotrituratori a motore elettrico oggi sono veramente irrisori in relazione a ciò che andiamo ad acquistare.

Si tratta di strumenti hobbistici, con un motore elettrico per alimentare il sistema di triturazione che generalmente è a lame nei biotrituratori più economici, ed a rullo in quelli più potenti, con motori maggiorati.

Spesso molto leggeri e compatti, ci permettono di ottenere risultati soddisfacenti. Il sistema di taglio, rispetto ai macchinari professionali, permette di accogliere ramaglie generalmente dal diametro massimo 40mm. Una misura sufficiente se consideriamo la natura hobbistica dello strumento…e poi diciamola tutta, la legna di questo diametro, la metteremo da parte per i barbecue o per il nostro camino piuttosto che macinarla!

Caratteristiche dei biotrituratori

Fate attenzione, però! Prima dell’acquisto di un biotrituratore non dobbiamo soffermarci soltanto sui motori, ma ci sono diverse importanti caratteristiche che è bene attenzionare per ottenere un prodotto soddisfacente per i nostri scopi.

Potenza

La potenza del biotrituratore varia in base alla tipologia di motore. Un motore termico (anche detto motore a scoppio) è generalmente più potente di un motore elettrico, infatti il biotrituratore con motore a scoppio viene spesso utilizzato in ambito professionale mentre il biotrituratore con motore elettrico è più idoneo in ambito domestico.

La potenza di un biotrituratore si misura in Cavalli per i motori a scoppio ed in Watt per i motori elettrici.

In base al tipo di materiale da triturare avremo bisogno di più o meno potenza, e di conseguenza si opterà per un motore o per un altro.

I motori termici montati nei biotrituratori commerciali hanno potenze che generalmente vanno da 4 CV a 9 CV, che in proporzione con quelli elettrici sarebbero da 3000 W a 6000 W.

I motori elettrici montati nei più diffusi biotrituratori hanno potenze inferiori rispetto ai termici e generalmente troviamo prodotti con potenza dichiarata da 2000 W a 2800 W.

Quello che ne deriva, oltre alla differente tipologia di sistema di taglio, riguarda anche il diametro dei rami da macinare. Riassumendo:

  • Per ramaglie verdi con diametro fino ai 35 mm, utilizzeremo biotrituratori con motore elettrico, sistema di taglio a lame e quindi potenza di circa 2000/2200W
  • Per ramaglie verdi con diametro fino ai 45 mm utilizzeremo biotrituratori con motore elettrico, sistema di taglio a rulli e potenza di 2400/3000W
  • Per ramaglie di diametro maggiore utilizzeremo un biotrituratore con motore termico e sistema di taglio a rullo o turbina, per garantire maggiore capacità di triturazione

Peso

Il fattore peso del biotrituratore può sembrare ininfluente, ma vi assicuro che dover spostare questa macchina in giro per il giardino può diventare fastidioso se eccessivamente pesante.

Solitamente i biotrituratori sono dotati di ruote per facilitare lo spostamento da un punto ad un altro, ma laddove sussistano ostacoli, occorre un po’ di forza.

I biotrituratori con motore elettrico sono più leggeri di quelli con un motore a scoppio. Le fasce di peso vanno, rispettivamente:

  • Biotrituratore con motore elettrico: dai 10 Kg ai 15 Kg
  • Biotrituratore con motore a scoppio: dai 20 Kg ai 30 Kg

Più è complesso, più sarà pesante il macchinario. La complessità sta nel fatto che possiamo trovare macchine con carene metalliche o plastiche, accessori come il cesto porta cippatura, tramoggia più o meno grande che inevitabilmente vanno ad influenzare il peso del biotrituratore.

Tramoggia

La tramoggia è quell’elemento del biotrituratore in cui inseriamo il nostro materiale verde da macinare. Già ad un primo impatto notiamo come in alcuni modelli sia più grossa rispetto ad altri.

Il compito della tramoggia è quello di convogliare il materiale verde nella camera di taglio, sia essa a rulli o a lame. Maggiore sarà la capacità di taglio, più prominente sarà la tramoggia, magari dalla bocca più larga e comunque dalla forma sempre regolare.

Notiamo che nei biotrituratori domestici, spesso è presente una piccola tramoggia. Questo ci deve far pensare che non si tratta di strumenti professionali, adatti al lavoro massivo, e che è necessario accompagnare mano a mano il materiale da macinare, piuttosto che piazzarlo nella tramoggia e farlo tirare direttamente dal rullo di taglio.

Cesto porta materiali

Generalmente il cesto porta materiali di risulta lo troviamo nei biotrituratori con motore elettrico, perché la quantità di materiale macinato è inferiore rispetto a quella di un motore termico.

Alcune macchine dotate di cesta porta materiali inoltre hanno un sistema di sicurezza integrato nella cesta. Questo sistema permette al motore di entrare in azione soltanto quando la cesta è ben posizionata nel biotrituratore. Diversamente non si accende. Il motivo è semplice: con la cesta montata, non si può arrivare in alcun modo a toccare o curiosare nella nel sistema di taglio mentre questo è in azione.

Altro motivo tecnico della presenza di questo utile accessorio, sta nel fatto che al riempimento del cesto porta materiali, siamo costretti a fermarci un attimo di biotriturare per svuotare il cesto e rimontarlo in sede. Questa piccola pausa da un po’ di tregua al motore elettrico che, a differenza, del termico, ha una resistenza al lavoro nel tempo inferiore.

Alcuni biotrituratori che non hanno la cesta, vengono forniti con un comodo sacco porta materiali di risulta da giardino come questo:

Sacco di raccolta per
materiale di risulta organico trinciato, compatibile con tutti i modelli di biotrituratori
  • Hackselgut di raccolta per la registrazione di
  • Una soluzione pratica per senza contenitore di trinciatore, come i modelli della serie ASCIA Rapid
  • Utilizzabile anche come ulteriore raccolta per altri tipi di trinciatore
  • Testo tradotto automaticamente

Motore

Abbiamo visto già le differenze principali tra i motori elettrici e quelli termici, nonché dei biotrituratori alimentati da trattore con trasmissione cardanica.

Il motore, sia esso termico o elettrico, deve essere di qualità ed erogare effettivamente la potenza dichiarata. I conti su quale biotrituratore acquistare vengono spesso fatti basandosi sulla potenza del motore. Se tuttavia non abbiamo effettive garanzie sulla potenza dichiarata, ci renderemo presto conto di aver acquistato un oggetto che sicuramente non soddisferà le nostre aspettative. Affidati a marchi conosciuti, o alle nostre recensioni di biotrituratori per saperne di più sull’affidabilità del motore.

Oltre alle valutazioni sulla potenza, peso e prestazioni, non dimentichiamo neppure la sottile differenza tra i sistemi di alimentazione. Se per il motore termico basta portar con sé una tanica di carburante (sia esso gasolio, miscela o benzina per motori a quattro tempi), per il motore elettrico serve invece la 220 Volt. Quindi munitevi di una buona prolunga per alimentare il vostro strumento.

Ricordate che più sarà lunga la prolunga, più dispersione ci sarà nel filo, e quindi il biotrituratore potrebbe non arrivare a generare la potenza idonea per il tipo di materiale da tritare. In questo caso risolverete munendovi di una prolunga con fili dal diametro maggiorato ed aggirerete questo piccolo inconveniente.

Tipologia di taglio

Conoscere e capire la differenza tra le varie tipologia di taglio del biotrituratore è veramente importante e può essere fondamentale per indirizzarvi verso un ottimo acquisto.

Sistema di taglio a rullo

Tra tutti i sistemi di taglio per i biotrituratori, quelli a rullo hanno l’esigenza di avere un motore performante ma che non generi necessariamente alti giri, perché il rullo ha un peso importante e si ha quindi la necessità di una buona riserva di potenza per far lavorare correttamente la macchina.

Tra tutti i sistemi, il taglio a rullo è il più silenzioso. Si tratta di uno o più rulli dentati che grazie all’azione di rotazione vanno ad erodere il materiale, triturandolo.

Generalmente il sistema di taglio a rullo viene impiegato per la macinazione di ramaglie. Per erba e fogliame non è sicuramente il più indicato. Il materiale prodotto, per via della sua grandezza, è idoneo al compostaggio. Pertanto si tratta di un sistema di taglio adatto anche ai biotrituratori domestici.

Sistema di taglio a lame

Lame, coltelli Einhell per sistema di taglio biotrituratore
  • Coltelli
  • Per biotrituratore GH-KS 2440
  • Marchio: Einhell

Il sistema di taglio a lame è adatto a chi svolge lavori occasionali di manutenzione del giardino. Questo sistema può essere montato in un motore dalla potenza minore rispetto al rullo ma che lavori ad alti giri poiché il peso delle lame taglienti è tale da raggiungere senza troppo sforzo la velocità di lavoro idonea a macinare tronchetti di piccole dimensioni, fogliame ed erbacce.

Il sistema di taglio a lame per biotrituratori può facilmente intasarsi se caricato eccessivamente e perdere l’azione di taglio se tra le ramaglie, viene inserita anche legna particolarmente dura o secca.

Per le orecchie non sarà una gioia partecipare all’azione di biotriturazione con disco e lame, perché tra tutti i sistemi di taglio è uno dei più rumorosi.

Sistema di taglio a turbina

Il sistema di taglio a turbina invece è quello che montano le macchine più impegnative, di grandi dimensioni, magari a trasmissioni cardaniche, poiché più performante ed efficace. Permette di triturare rami di grandi dimensioni con una capacità di triturazione non indifferente.

Ci sono comunque alcuni modelli di biotrituratori elettrici semi professionali che hanno un sistema di taglio a turbina. Ad esempio:

Offerta
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
  • Biotrituratore silenzioso AXT 25 TC biotrituratore universale per materiali duri e teneri
  • Potente motore High Power da 2500 Watt
  • Sistema brevettato Block Release, per eliminare agevolmente eventuali intasamenti senza necessità di montare l’imbuto di caricamento
  • Tritura agevolmente materiali legnosi fino a 45 mm di diametro, grazie alla coppia di taglio, pari a 650 Nm
  • Dotazione AXT 25 TC, imbuto per materiale di scarto, cesto di raccolta e confezione in cartone

Capacità di triturazione

La capacità di triturazione rappresenta la quantità di massa verde, espressa in kilogrammi, che la macchina è in grado di macinare in un’ora.

Per lavori di tipo domestico, possiamo scegliere biotrituratori con una capacità di triturazione che va dai 100 kg/h ai 200 kg/h.

Chiaramente la capacità di triturazione verrà influenzata notevolmente sia dal sistema di taglio, che è presente nel biotrituratore, sia dalla potenza, che il motore va ad erogare.

Prezzo del biotrituratore

Un fattore veramente importante, che sicuramente è il primo ad essere osservato, è il prezzo del biotrituratore.

Il prezzo del biotrituratore, in questo caso, viene considerato per ultimo tra i fattori determinanti per la nostra scelta. Possiamo già immaginare che se abbiamo ettari di terreno, non possiamo aspettarci nulla da un biotrituratore da un centinaio di euro, ma occorrerà sborsare qualcosa in più per una macchina performante.

In linea di massima, possiamo definire un range di prezzi per biotrituratori che vanno in base al tipo di motore ed utilizzo:

  • Prezzi biotrituratori con motore elettrico per uso domestico: da 100,00€ a 500,00 €
  • Prezzi biotrituratori con motore elettrico professionali: da 500,00€ a 1.000,00 €
  • Prezzi biotrituratori con motore a scoppio: da 500,00€ a 2.000,00 €
  • Prezzi biotrituratori a trasmissione cardanica: da 1.000,00€ a 8.000,00 €
  • Prezzi biotrituratori con motore a scoppio performanti: fino a 10.000,00 €

Il biotrituratore più economico

Offerta
Einhell GH-KS 2440 - Biotrituratore economico
  • Potenza: S1: 2.000 Watt S6 (40%): 2.400 Watt
  • Spessore rami max.: Ø 40 mm
  • Nr. giri: 4.500 min-1

Sicurezza

Sebbene annoverata per ultima, la sicurezza è un fattore di primaria importanza che deve far riflettere ogni utente prima dell’acquisto di qualsiasi macchinario.

L’utilizzo di adeguati dispositivi di protezione individuale (guanti, occhiali, indumenti idonei) garantisce sicuramente l’operatore, ma una macchina da lavoro deve avere a corredo dei sistemi che impediscano all’utilizzatore di farsi del male.

Nei biotrituratori è bene essere a conoscenza dell’esistenza di alcuni sistemi di sicurezza, ad esempio quello che impedisce l’avviamento accidentale della macchina.

Oppure è bene sapere se esiste un sistema di inversione delle lame o dei rulli. Generalmente questo entra in funzione al sovraccaricarsi della macchina, ma può essere un ottimo sistema di svincolo qualora qualcosa dovesse andare storto.

Inoltre è fondamentale per la salvaguardia del nostro corpo, l’utilizzo delle apposite palette, o in mancanza utilizzare un bastone di legno, per convogliare i residui di materiale nella camera di macinazione. Mi raccomando, mai fare questa operazione direttamente con le mani!

Marche di biotrituratori

Sebbene si tratti di strumenti ormai collaudati, efficienti sia per quanto riguarda la capacità di triturazione che per l’efficienza energetica, spesso si tende a considerare soltanto i prezzo dei biotrituratori senza curarsi delle marche, ovvero le aziende che li producono e/o commercializzano.

Molto spesso, a parità di dimensione e prestazioni, ci sono delle caratteristiche che un’azienda offre rispetto ad un’altra per incentivare l’acquisto dei suoi prodotti. Ad esempio possiamo considerare l’affidabilità dell’azienda, la facilità di trovare punti di assistenza, possibilità di acquistare ricambi online e politiche di garanzie offerta.

Dai un’occhiata a tutte le marche di biotrituratori recensite, in modo da farti un’idea di cosa offre il mercato: Marche di biotrituratori

La Scelta del biotrituratore migliore

Avendo individuato tutte le caratteristiche del biotrituratore non ci rimane che affrontare il grande problema della scelta. Ed è qui che si invitano i lettori ad una riflessione da fare prima dell’acquisto.

Il biotrituratore è un macchinario agricolo di grandi dimensioni che subisce, per via del suo lavoro, un tipo di sollecitazione non indifferente. Chiaramente un biotrituratore a scoppio è progettato per professionisti e viene realizzato con materiali e sistemi più performanti rispetto ad un biotrituratore elettrico, generalmente utilizzato in ambito casalingo o hobbistico.

Quando andiamo ad acquistare un biotrituratore teniamo in considerazione il reale utilizzo che ne faremo, andando eventualmente a spendere qualche euro in più per un prodotto di categoria leggermente superiore in maniera tale da assicurarci un prodotto che effettivamente soddisferà le nostre esigenze e non finirà buttato in un angolo del nostro casotto attrezzi.

In questi casi spendere qualche euro in più per un biotrituratore efficiente ci consente di utilizzare con soddisfazione ed in maniera consona il macchinario invece che tornare a portare in discarica i resti vegetali delle varie potature che faremo. Evitiamo di sprecare denaro inutile per acquisti sottodimensionati.

Sulla base di questa considerazione tanto dovuta, elenchiamo adesso quali sono i migliori biotrituratori per ogni tipologia di motore e taglio, in maniera tale da orientarci al meglio per il nostro acquisto.

Miglior biotrituratore elettrico

Offerta
AL-KO EasyCrush MH 2800 Biotrituratore elettrico a lame 2800watt con cesto di Raccolta.Cesto 48l polipropilene
  • Biotrituratore con potenti elementi di taglio, tramoggia di alimentazione particolarmente grande con alimentazione a lame
  • Tramoggia di alimentazione particolarmente grande con alimentazione a lame. Scocca stabile con ruote XL
  • Grande cesto di raccolta integrato
  • Il biotrituratore a lame è l'ideale per scarti verdi, come legno e fogliame, e il suo triturato è ottimo, ad esempio, per coprire la base delle aiuole

Miglior biotrituratore a lame

Offerta
Einhell GH-KS 2440 - Biotrituratore elettrico a lame economico
  • Potenza: S1: 2.000 Watt S6 (40%): 2.400 Watt
  • Spessore rami max.: Ø 40 mm
  • Nr. giri: 4.500 min-1

Miglior biotrituratore a rullo

Offerta
Biotrituratore Makita UD2500 - motore elettrico 2500W e sistema di taglio a rullo
  • Facile da usare con controllo e sistema di bloccaggio automatico
  • Le maniglie su entrambi i lati consentono un facile trasporto
  • Il contenitore presenta la scala graduata
  • Interruttore avanti / indietro

Miglior biotrituratore a turbina

Offerta
Bosch Home and Garden AXT 25 TC Biotrituratore, 2500 W, Nero/Verde
  • Biotrituratore silenzioso AXT 25 TC biotrituratore universale per materiali duri e teneri
  • Potente motore High Power da 2500 Watt
  • Sistema brevettato Block Release, per eliminare agevolmente eventuali intasamenti senza necessità di montare l’imbuto di caricamento
  • Tritura agevolmente materiali legnosi fino a 45 mm di diametro, grazie alla coppia di taglio, pari a 650 Nm
  • Dotazione AXT 25 TC, imbuto per materiale di scarto, cesto di raccolta e confezione in cartone